Tiralatte

Da quando è nato mio figlio (cioè circa 2 mesi) mi tiro il latte con il tiralatte ogni 3 ore. Può essere dannoso per il seno? Verso i 4 mesi posso ridurre le “tirate” da 8 a 6 al giorno senza provocare l’arresto della produzione di latte?
Non è affatto dannoso per il seno tirare il latte meccanicamente(???). Lei potrà ridurre il numero delle sedute compatibilmente con la quantità di latte che sarà necessario estrarre per soddisfare le esigenze del piccolo.

Mio figlio ha 7 mesi. Fino a 6 l’ho allatto in modo esclusivo al seno a richiesta. In questo mese ho iniziato a svezzarlo in maniera graduale inserendo prima la pappa a pranzo e solo da qualche giorno anche quella a cena. Molte donne mi hanno detto che con l’inserimento della seconda pappa il latte tende a diminuire e mi hanno consigliato di usare un tiralatte per cercare di mantenere la produzione di latte alta per un tempo più lungo. Secondo loro dovrei tirare il latte in concomitanza delle pappe e conservarlo. Mio figlio prende il mio latte la mattina presto, al centro della mattina, a merenda il pomeriggio e prima della nanna. Inoltre continua con brevi poppate notturne, in genere 2-3 volte. Per ora non finisce mai tutta la sua pappa né a pranzo né a cena ma assaggia con entusiasmo. Io lo assecondo in tutto. Vorrei chiedervi se è utile l’uso di un tiralatte come mi è stato consigliato. Desidero allattare mio figlio sicuramente oltre l’anno di vita e vorrei riuscirci.
L’uso del tiralatte è indicato in casi particolari solamente, non deve essere una routine – pena la fine della comodità di allattare.

Vorrei chiederle due cose: 1) quale è il momento migliore per tirami il latte? io ho provato dopo la poppata, ma sono scarica e prima ho paura che poi non ce ne sia per la bambina 2) per una bimba di 4 mesi quale è il quantitativo che deve assumere?
Il latte si tria fra le poppate. Il quantitativo normale è stabilito dai bambini – di solito fra 90-120 ml

Mi chiedevo fino a quale età dei bambini sia necessario sterilizzare tiralatte e biberon. La mia bambina ha sette mesi e, dovendo tirarmi il latte al lavoro, sarebbe certamente più comodo e veloce limitarmi a lavare accuratamente tutto quanto. Diversamente, è ovvio che troverò il modo anche di sterilizzare.
La sterilizzazione per tiralatte/contenitori/biberon destinati a bambini sani che stanno a casa non è necessaria oltre il primo mese di vita del lattante (periodo neonatale). E’ sufficiente lavare i pezzi con acqua calda e sapone e sciacquare con acqua calda; oppure metterli in lavastoviglie.

Può consigliarmi un buon metodo di massaggiare dolcemente il seno, prima di estrarre il latte con il tiralatte o manualmente? E per quanti minuti va fatto?
Il metodo più semplice ed efficace è l'”impastamento”: applica la mano a pugno tutto intorno alla circonferenza del seno, come se stesse impastando il pane MA delicatamente e senza strisciare . Basta fare un giro.

La mia bimba di 25 giorni ha la tosse e da ieri fa meno poppate e “tira” meno.Sentendo il seno troppo pieno ho preso il tiralatte medela professionale (ho un seno abbondante:8a) che mi doleva dopo (la magra 60 ml) estrazione. Posso usarlo meglio?
Il seno non dovrebbe mai dolere nè durante nè dopo l’estrazione. Dovrebbe ‘indovinare’ la minima pressione di suzione che estrae latte dal seno (opportunamente riscaldato o massaggiato qualche minuto)e inoltre sappia che c’è la possibilità di adottare coppe di misura congrua al capezzolo (più che alla taglia di seno).

Ho un problema…è tutt’oggi che la bimba ha fame e sta attaccata al seno…ma ora ho un seno dolente ed al tatto mi sembra non svuotato,ma usando il tiralatte(sia con il minielettric medela che con uno a siringa)non esce niente…come posso fare?
Allattare è un gioco di fiducia: per evitare di cadere vittime della tensione e dei suoi tiri mancini bisogna imparare a rilassarsi ad es. con un bel bagno caldo, una tisana o un massaggio: il latte ricompare. Se riuscisse a fare un pisolino col bambino vicino, meglio ancora. Queste crisi possono verificarsi di quando in quando, e la paura di non farcela viene incrementata dalla falsa prova del tiralatte – che non può stimolare la fuoriuscita di latte se la tensione dalla mamma blocca la ‘calata’ .

Vorrei sapere se usando esclusivamente il tiralatte(elettrico o manuale)il latte si riproduce sempre o primo-poi non ci sarà più?
Il tiralatte non implica un *contatto fisico* col bambino: il latte prima o poi si riduce. MA questo si evita se: a) si massaggia delicatamente il seno manualmente prima del suo uso b) finisce di spremere il seno a mano – escono sempre delle gocce (vv FAQ) c) si fa contatto ‘pelle-a-pelle’ col bambino, entrambi nudi dalla vita in su, la notte e quando è possibile.

Sono una la mamma di una bimba di 4 mesi e mezzo allattata esclusivamente al seno. Da qualche giorno sono ritornata al lavoro per 3 ore al giorno e ho cominciato a utilizzare il tiralatte per raccogliere il latte necessario durante la mia assenza da casa. Mi sono quindi accorta che non riesco a raccogliere più di 40 g di latte per volta (anche al mattino) o al massimo raggiungo i 70 g quando avverto la “calata”. A questo punto mi sono chiesta se mia figlia mangi questi quantitativi (mi sembra pochissimo!!!) o piuttosto se sia un problema legato al tiralatte che non va bene per il mio seno (in realtà nei primi 2 mesi riuscivo a tirare senza problemi 150 g di latte per volta). Preciso che il peso della mia piccola alla nascita era di 3.7 Kg e adesso e’ 7.8 (sembra crescere bene!) Cosa mi consiglia di fare? Devo pensare che il mio latte stia cominciando a diminuire o che altro? E in caso cosa posso fare per aumentarne la produzione per garantirmi di riuscire a soddisfare la mia piccola e al contempo riuscire a tirare il latte necessario alla poppata in mia assenza?
La bambina succhia meglio di qualsiasi tiralatte e la mamma non si deve preoccupare di questo. Piuttosto è il seno che si deve abituare nuovamente a essere stimolato da un aggeggio di plastica e rispondere a delle richieste fuori dell’ordinario. Per facilitare la produzione, oltre che sfruttare la calata le conviene utilizzare il doppio kit di coppe da tiralatte come per i gemelli (se il modello di tiralatte lo consente); imparare a spremere il seno manualmente per rifinire a mano il lavoro (esce altro latte); fare più sedute.

Il mio bimbo ha 4 mesi e lo allatto regolarmente al seno ogni 2,5-3 ore. Non ho mai effettuato la doppia pesata ma lui cresce bene (nato 2860 ora è circa 6 kg lungo 62 cm)e richiede le poppate in modo regolare. A gennaio dovrò riprendere il lavoro e vorrei iniziare a tirarmi il latte. Sto usando un medela harmony manuale ed ho effettuato alcune tirate circa 1 ora dopo che lui ha terminato la sua regolare. Poichè il seno ogni volta che tiro il latte mi fa male tiro circa 5 minuti per parte circa 80 cc in totale.In base a ciò vorrei sapere: 1) è meglio il tiralatte manuale o l’elettrico? 2) è corretto sia il tempo dopo la poppata sia il tempo di tirata? 3) tirandomi il latte, alla poppata successiva del bimbo lui prenderà il latte che gli serve? 4) è una quantità giusta o è poco? MI si sciuperà il seno e riuscirò a mantenere la portata di allattamento adeguata alle esigenze nutrizionali del mio bambino quanto più è possibile?
Il seno non deve fare male quando si tira il latte. Le consiglio un tiralatte elettrico più potente ma più dolce, come il Swing o il Pump in Style. Con una seduta piacevole potrà tirare il latte circa 10 min per parte, e avere una resa maggiore (è già buona) – la quale adesso serve per fare una riserva, poi la definirà lei sulla effettiva richiesta del piccolo (mediamente 90-120 ml a poppata). Il bambino troverà sempre del latte, attingendo alla capacità mammaria che di solito non viene sfruttata. Non è scritto da nessuna parte che il tiralatte sciupa il seno (?).