Crescita peso / lunghezza

Crescita peso / lunghezza

 IL MIO BAMBINO PESAVA KG 4040 ALLA NASCITA. DIMESSO CON CALO A KG 3630 ORA A DUE MESI ESATTI PESA KG 6950, ALLATTAMENTO SEMPRE AL SENO. IL BIMBO CRESCE DAI 300 AI 500 GRAMMI A SETTIMANA E MANGIA OGNI 3 – 4 ORE A RICHIESTA. MI DOMANDO SE QUESTA CRESCITA ESPONENZIALE POSSA NASCONDERE QUALCHE PROBLEMA O E’ DEL TUTTO NORMALE.
E’ normale; il bambino non ha neanche incrociato 1 percentile in due mesi e non i 2-3 che ci farebbero definire la crescita esponenziale. Egli è passato infatti da >85° alla nascita a <97° a due mesi (vv Curve di crescita OMS fra i Link).

 La mia bimba di tre mesi pesa 5,34 kg e alla nascita pesava 2,600. Le sue poppate fino a 15 gg fa erano abbondanti, da 120-150 g l’una, con una crescita settimanale di 200 a volte 250 g. Nelle ultime due settimane mangia 90 gg a poppata . E’ normale questa crescita?
La piccola ha più che raddoppiato il peso nascita a soli tre mesi. Il rallentamento della crescita è fenomeno normale nei bambini allattati al seno, passati i primi mesi. È meglio evitare di fare la doppia pesata, perché quello che conta è fare attenzione ai segnali di fame e soddisfazione della piccola (che può voler mangiare di meno ma più volte) e all’andamento lungo la curva di crescita.

 Il mio bambino ha tre mesi, peso alla nascita Kg 2.97, ora pesa Kg 5.02. Lo allatto al seno ogni 4 ore circa, nell’ultimo mese mi pare abbia rallentato la sua crescita: una settimana è stata nulla (ho dato la colpa alla gola arrossata), la successiva g 180 (abbastanza bene anche se nei primi mesi cresceva di più), poi g 140 (era la settimana in cui ha fatto il vaccino) e l’ultima solo g 50. Preciso che in alcuni giorni il bambino ha frequenti ed abbondanti rigurgiti sia di latte cagliato che ancora liquido. Mi devo preoccupare?

Il bimbo sta mantenendo la sua curva di crescita  OMS . Se la frenata dell’ultima settimana, probabilmente legata al malessere da vaccinazione, dovesse ripetersi allora dovrà rivedere l’alimentazione al seno (frequenza delle poppate, presenza di ciucci o tisane, altre ragioni di separazione mamma/lattante). I rigurgiti abituali del lattante non comportano ritardo di crescita nella stragrande maggioranza dei casi.

 Mio figlio ha sempre poppato regolarmente crescendo circa 1 kg al mese. Ora al quarto mese però ha aumentato la frequenza delle poppate, e l’ultima settimana è cresciuto solo 120 grammi. I miei seni sono più morbidi e temo di stare perdendo il latte; mi consigliano la aggiunta. Cosa devo fare?
La crescita normale di un lattante è di 100 – 200 g a settimana ( a seconda dell’età, sesso, peso nascita ) mediamente nei primi sei mesi di vita; di 85 – 140 g a settimana nei secondi sei mesi (dati Oms-Unicef). Quindi un aumento di peso di 120 g a settimana è senz’altro più che adeguato, anche perché man mano che passano i mesi l’incremento ponderale si va riducendo. Se le poppate sono aumentate può essere legato al caldo stagionale, e quindi a una maggior richiesta di liquidi; o a una maggiore richiesta di contatto con la mamma (quante poppate faceva prima, quando lei dice ” regolarmente”?). I seni sono più morbidi…per fortuna! Vuol dire che si sono aggiustati alla richiesta del piccolo e sono in grado di offrire tutto il latte necessario alla sua crescita senza indurirsi fastidiosamente. È bene non introdurre alcuna aggiunta perciò, e continuare ad allattare esclusivamente per 6 mesi.

 Il mio bimbo (di circa 40 giorni), che allatto esclusivamente al seno, sta crescendo splendidamente. Pesandolo nudo una volta alla settimana è aumentato di: 260 g, poi di 330 g, di 360 g, infine di 410 g. Mi chiedo: sarà troppo??? Per le prossime settimane, devo aspettarmi sempre una crescita intorno ai 400 g o è possibile che l’aumento di peso sarà minore?
Questa crescita,veramente strepitosa, si placherà quando…il bambino deciderà di assumere meno latte. I lattanti allattati al seno infatti, sono dotati di sistemi di autoregolazione che fanno sì che, passati i primi 2-3 mesi, crescano via via meno.

 Ho una bambina di un anno e dieci giorni, pesa 13.800 kg. Attualmente prende due pappe e tante poppate sia di giorno che di notte, tra l’altro non beve altri liquidi, neanche l’acqua.
Il pediatra mi ha detto che la piccola pesa troppo, rischia l’obesita’ e che dovrei sostituire le poppata con la camomilla.La bambina non l’ha mai bevuta e in pratica ne assaggia qualche cucchiaino e basta.
Fermo restando che desidero ancora allattarla senza nuocere in nessun modo alla sua salute, puo’ dirmi quante poppate a questa eta’ dovrebbe fare?


Di bambine allattate al seno e sovrappeso, e delle loro crescita non abbiamo dati. Personalmente – e il mio ambulatorio è ad alta prevalenza di bambini allattati – non ne ho mai visto che rimangono sovrappeso/obesi oltre il 2°-3° anno di vita. Si sono tutti ‘sfinati’ una volta cessato l’allattamento. La bambina farà tutte le poppate che vuole , non ci sono numeri ‘esatti’, continui pure ad allattarla a richiesta.

 Sono mamma di un bambino (il primo) do tre mesi allattato esclusivamente al seno, peso alla nascita 4,3kg, 4,1kg alle dimissioni dall’ospedale e oggi 6,3kg.In questo ultimo mese dormendo nel lettino il bambino fa 6-7 ore continue di sonno la notte (in carrozzina era irrequieto) e le poppate nelle 24 ore si sono ridotte a 5 (6 in casi eccezionali).Il bambino sta bene, quando è sveglio è attivo, desideroso di giocare e sorride spesso, la mia preoccupazione è che in queste ultime settimane è cresciuto 50 g scarsi….può essere che sia dovuto al fatto che in previsione dei tre mesi (appena raggiunti comunque) il peso abbia incominciato a crescere di meno?e’ vero che non bisogna fare confronti ma altri bambini nati con un peso inferiore hanno registrato all’età di tre mesi pesi superiori…è anche un discorso di geni o comunque costituzione fisica?

Il discorso è infatti non di genetica o di rallentamento di crescita ma di … troppe ore di sonno innaturale. Come potrà leggere in Allattare.net, le poppate dei piccoli devono potersi dipanare nell’arco delle 24 ore con richieste spontanee di seno. Ma il *luogo* in cui questo comportamento emerge spontaneamente non deve essere di separazione fisica dal corpo della madre – come un lettino o una carrozzina. Ergo, si metta il bambino vicino la notte (o parte di essa) in modo tale che il bambino possa svegliarsi col fruscio delle lenzuola, col movimento del corpo materno, il suo odore e calore e sincronozzarsi ai suoi (non avvertiti) risvegli. Le poppate in più gli forniranno latte in più. Alternativamente, lo indossi di giorno in una fascia e gli fornisca le poppate in più nelle ore diurne. Quante ? quante ne servono a crescere almeno 110-130 g a settimana, cioè 3-4- 5 in più, sarà il bambino a stabilirlo (allattamento a richiesta). Probabilmente serviranno tutte e due le opzioni.

 Mi figlia ha tre mesi ed una settimana, quando è nata pesava 3.610 e lunga 49.50 cm- ad oggi pesa 5,825 e lunga circa 64 cm – la settimana scorsa è aumentata di peso solo 55gr (non ho dato molta importanza perchè aveva fatto da poco la vaccinazione). Questa settimana pero’ è aumentata solo di 30g e le poppate variano da tre a quattro al giorno (per necessità ho dovuto titare il latte e riesco a tirarne circa 120/130 gr). E’ il mio latte che non “va” ? mi devo preoccupare che la bimba non sta crescendo? quanto dovrebbe mangiare a poppata?
Non è il latte ‘che non va’ ma sono le poche poppate al seno, non si fissi sulla quantità di latte a singola poppata. E’ utile fare la ‘maratona di 48 ore”: si metta a letto con la bambina senza fare altro , fa finta di essere ammalata:) , allattandola in continuazione giorno e notte e facendo contatto ‘pelle-a-pelle’. In due giorni crescerà più che nella scorsa settimana. Si circondi di mamme che allattano con efficacia e cerchi un pediatra ‘amico dell’allattamento’.

 Ho un bambino di quasi 4 mesi allattato finora esclusivamente al seno, alla nascita pesava 2,640, adesso pesa 6,100. Nei prmi due mesi è cresciuto bene (quasi 1,300 al mese) adesso ha rallentato molto la crescita, non è un grande mangione vuole ciucciare da un seno solo, so per certo di avere latte in abbondanza. Si attacca solo se ha veramente fame altrimenti si arrabbia se gli propongo il seno. Prima ciucciava ogni tre ore circa, adesso le ha allungate a quattro ore e rotte e non prende maggior quantità di latte perchè, anche se so che è sbagliato a volte faccio la doppia pesata(non ne prende mai più di 140 al massimo… è possibile che non gli piaccia più il mio latte? dovrei iniziare ad introdurre altri cibi? la mia prima bambina l’ho allattata esclusivamente al seno fino a quasi sette mesi le ho dato giusto solo un pò di frutta dal quarto mese… inizio ad essere un pò in crisi mi aiuti.
Allora accetti la crescita del piccolo, che si colloca più o meno in linea con il peso nascita (vv Curve di Crescita OMS fra i Links). NON vi è necessità di introdurre precocemente la frutta (che si usa nelle diete dimagranti), ma lo assecondi e aspetti i sei mesi.

 Sono mamma di una bimba di 6 mesi,sin dall’inizio allattata al seno,ora è da circa un mese che ho iniziato lo svezzamento,vorrei sapere quanti grammi dovrebbe prendere dal sesto mese in poi?
La crescita del lattanti rallenta già dopo il 3°-4° mese; dopo il sesto mese i bambini crescono normalmente da 85 a 140 g a settimana di media.

 Quanti grammi di latte per poppata dovrebbe assumere mediamente una bimba di 45 giorni?
Poiché la produzione di latte avviene in ragione delle frequenti richieste del bambino, essa può variare da poppata a poppata, da giornata a giornata e da bambino a bambino. Per questo ha poco senso quantificare la singola poppata tramite la doppia-pesata. Ha più senso semmai parlare di produzione giornaliera, che oscilla intorno agli 800 ml pro die, a partire dalle 4-6 settimane di vita.

Ho una bimba di 3 settimane. Dopo la montata lattea, mia figlia è aumentata di peso i primi giorni, poi dopo una settimana l’abbiamo pesata ed era tornata al peso delle dimissioni dall’ospedale.
Il pediatra ci ha consigliato di fare la doppia pesata e dare l’aggiunta. Così abbiamo fatto per 3 giorni ma a me piacerebbe allattare esclusivamente al seno.
Leggendo il vostro sito abbiamo capito che dobbiamo scalare l’aggiunta ma, se non usiamo la doppia pesata, come capiamo se mangia a sufficienza?”

La doppia pesata non fa parte della conduzione dell’allattamento al seno dei bambini sani e nati a termine, per varie ragioni: il latte tirato da una bimba non allenata sarà poco inizialmente, e la bilancia potrà non registrare neanche la differenza, con conseguente avvilimento della mamma. Consuma tempo e innervosisce i bambini. E’ invece sul numero di pipì/popò che si controlla se una bambina assume latte a sufficienza : 1-2-3-4 pipì al giorno, dal primo g di vita al quarto; poi le pipì devono apparire chiare e inodore come l’acqua, arrivare a 5 e poi 6 o più dal sesto giorno di vita. Le scariche saranno di meconio per i primi 2 giorni, poi di transizione per altri 1-2 giorni, poi giallo oro o senape in numero da 1-3 dal quinto – sesto giorno. Questo, insieme a una crescita settimanale che varia da 100-200 (media) a settimana nei primi 3 mesi di vita, a bambina soddisfatta e vitale, ci indica che assume latte a sufficienza.

 Mia figlia ha sei mesi; nata di 2700 g, sempre allattata esclusivamente al seno ha avuto un incremento del peso elevato sino ai 4 mesi (6 Kg); in seguito ha preso molto meno ed ora pesa circa 7 Kg. La pediatra mi ha consigliato già un mese fa l’aggiunta serale, ma io l’ho solo attaccata più spesso al seno durante il giorno e la notte.
Mi chiedo se semplicemente la bimba non sia ritornata sulla ‘sua’ normale curva di crescita che aveva quando è nata. Tra poco vorrei iniziare lo svezzamento: quanto dovrebbe crescere?

Se lei scarica le curve di crescita OMS dal Link e ci riporta i due pesi, noterà che essi si collocano più o meno sulla stessa curva, detta percentile. ANZI: attualmente il peso si trova leggermente più in alto, a significare che la bambina sta crescendo egregiamente, lei si può fidare della sua richiesta e non c’è bisogno di fornire aggiunte di latte artificiale.
Nel secondo semestre i lattanti crescono da 85 a 140 g a settimana, a seconda dell’individuo.

 Il mio bambino compie quattro mesi dopodomani.Fino ad ora è sempre cresciuto molto bene(200-250g a settimana)ma nelle ultime tre settimane è cresciuto 50-100-50.La pediatra mi ha fatto fare la doppia pesata.da qui è risultato che mangia,per esempio le propongo una giornata:120-120-80-55-130-35-55-70 in più la poppata notturna che non ho pesato. Ora la mia pediatra mi dice che seccondo lei bisogna fare un aggiunta di 80 g perchè dovrebbe mangiare circa 180g a pasto,ma io non sono d’accordo. E’ vero che a volte mi sembra un po’ nervoso,ma penso che se avesse fame non dormirebbe dalle 8 le 2 come un sasso.E poi se lo porto fuori tutto sparisce.Potrebbe essere che si attacca così spesso,magari mangiando poco,per noia? Comunque rimane che è cresciuto poco.Secondo lei come mi devo comportare?Il primo l’ho allattato esclusivo anno,vorrei fare lo stesso col secondo.
Dormire 6 ore di fila per un bambino che cresce ha un significato – sazietà; in un bambino che non cresce ne ha un’altro – rifugio nel sonno. Non condivido però la soluzione di dare l’aggiunta perchè questa – come lei ha intuito – inibirebbe ulteriormente la secrezione di latte. La soluzione perciò è di allattarlo di notte, portandoselo comodamente nel lettone o in un lettino attaccato.

Ho un bambino di 5 mesi, cresciuto alcuni mesi bene altri meno bene.
La mia domanda è un’altra. Nel libro dice che un bambino fino a sei mesi deve bagnare 6 pannolini di pipì al giorno per confermare che si nutra a suffucienza. Noi arriviamo a 5 ed alcuni abbastanza scarichi.
Quanta pipì ci deve essere in questi pannolini?

Il numero di pannolini bagnati deve cmq essere confrontato con la crescita del bambino – se questa è adeguata, va tutto bene. Un pannolino di peso adeguato è quello che si soppesa con la mano dopo avervi versato 3 cucchiai di acqua.

 Grazie anche ai vostri consigli la mia bambina è stata fino ad oggi allattata esclusivamente al seno. Ha ormai cento giorni esatti, è gioiosa e vivace ma ho paura che sia sotto peso. Oggi pesa 5.650 kg, alla nascita pesava 3.640 Kg. Ho paura che non sia cresciuta abbastanza e che si renda necessario latte artificiale.

La “crescita” di un lattante va oltre il mero incremento ponderale. In altre parole, è più sano un bambino in allattamento esclusivo al seno che raggiunge un peso accettabile o uno in allattamento misto che raggiunge un peso superiore? la risposta giusta è la prima.

 Sono la mamma di una bellissima bambina che a giorni spegnerà la sua prima candelina. Ho avuto un cesareo ma mi sono da subito impegnata nella fantastica esperienza dell’allattamento e tutt’ora sono felice di potere ancora viverla. Sono state tante, però, le difficoltà:per primi i pediatri dell’ospedale dove ho partorito che “sponsorizzano” molto l’alimentazione artificiale mettendo a dura prova la sicurezza che ogni mamma PUO’ e deve allattare. Ora, però, a me viene un dubbio…dal sesto mese ho cominciato a svezzare la mia piccola senza mai farle mancare il mio latte..da qualche mese ho ripreso a lavorare, perciò, anche se quando ci sono vige sempre la regola dell’allattamento a richiesta, le poppate si sono ridotte e il mio seno sembra sgonfio, inoltre da quando ho cominciato a lavorare, la piccola non vuole il cibo quando non ci sono e negli ultimi 2 mesi è cresciuta davvero poco (rimane comunque una bambina di peso sopra la media, pesa infatti 10,300kg).Che siano i seni morbidi e un pò meno importanti causa dello scarso accresimento di mia figlia? e poi, quanto incide il latte a quest’età nella crescita di un bambino?secondo lei dovrei aggiungere nella sua dieta, fatta non solo di pappe e minestre,ma anche di yogurt e frutta, anche del latte vaccino o quello di proseguimento?
Lei ha colto perfettamento quanto il rientro al lavoro rappresenti una sfida per la mamma che allatta! Tuttavia la rallentata crescita dei lattanti nel secondo semestre di vita è un fenomeno normale: se la bambina avesse fame si getterebbe più voracemente sul cibo (che mi sembra più che adeguato per quantità e qualità)o si sveglierebbe la notte per poppare di più. I seni meno pieni sono solo il segno dell’aggiustamento fra offerta e richiesta di latte :-)

 La mia bambina ha 5 mesi, peso alla nascita kg 3.500 ora kg 8.500. E’ allattata esclusivamente al seno, nell’ultima settimana anziché aumentare di peso ha perso 100 g pesava kg. 8.650.Si attacca al seno 4/5 volte al giorno, non faccio la doppia pesata, pertanto non so quanto latte assuma ad ogni poppata. Il mio latte è ancora abbastanza, quando la bimba si stacca dal seno vedo che continua ad uscire latte. E’ forse arrivato il momento dello svezzamento? potrebbe essere il mio latte meno nutriente? Da cos’altro potrebbe dipendere il calo di peso?

La bambina ha *ben* più che raddoppiato il peso nascita, cosa che ci impedisce di pensare che un latte così nutriente sia improvvisamente e misteriosamente diventato inadeguato … Rer poter essere più mirata dovrei vedervi in consulenza, in mancanza della quale posso ipotizzare perchè la bambina non sia cresciuta bene:
- è stata vaccinata
- sta incubando un’infezione per cui ha poco appetito
- è disturbata dalla dentizione
- la mamma si è occupata d’altro (battesimo, trasloco ecc)
- l’ha messa a dormire da sola
- ha utilizzato un ciuccio che prima non c’era
- è molto distratta
- ha deciso di ridimensionarsi nella crescita
In ogni caso l’inizio delle pappe deve essere preceduto dalla prontezza/desiderio/interesse della bimba e cmq in presenza di scarsa crescita che si verifica dopo un “aumento” delle poppate, e non la sua diminuzione come nel suo caso :-)

 Leggendo il suo libro capisco che il latte materno è l’alimento migliore per tutto il primo anno di vita del bambino.
Però con la mia prima bambina allattata con latte materno al biberon all’età di 9 mesi aveva avuto un arresto di crescita, recuperato con l’aggiunta della seconda pappa al giorno.
Anche il mio secondo bimbo ha rallentato molto la crescita: tra il 5 e il 6 mese è cresciuto solo 4 hg.
Mi sa spiegare il motivo?

La causa principale di arresto di crescita negli allattati al seno – dopo aver verificato che cmq la crescita rallenta fisiologicamente nel secondo semestre (vv Curve OMS nei Link)- è il mancato … aumento delle poppate al seno quando un bambino entra nella fase di maggiore attività fisica (gattonamento, deambulazione ecc) ed è perciò distratto. Oppure quando il piccolo comincia a dormire tutta la notte, cosa molto gradita alla madre e a tutta la famiglia, ma viene a perdere circa il 20% del fabbisogno giornaliero.
Una crescita dal 5° al 6° mese di 400 g è la crescita normale di un bambino che viaggia quasi al 50° pct (OMS) e che può portare a un’avventata integrazione con latte artificiale: una volta che questa sia iniziata, il latte materno … diminuirà per davvero!

 Mia figlia ha tre mesi, è allattata esclusivamente al seno e pesa 4,780 kg. nell’ultimo mese ha preso poco peso(220 g  in 2 settimane)e la pediatra mi ha consigliato un’aggiunta con il mio latte(ne ho tanto che ne perdo), perchè dice che deve raggiungere ad ogni poppata 150 g!
Ho provato a darle il biberon con 30 g di latte ma non l’ha preso.

La dose di un tot a poppata … non esiste. Esiste una curva di crescita individuale sulla quale ciascun bambino, libero di attaccarsi come quando e quanto vuole, decide di crescere. Secondo le curve OMS  la sua si colloca fra il 3° e il 15° pct che *non* vuol dire bambina sotto peso, ma bambina che come circa il 10% della popolazione femminile di quella età cresce … in questo modo.

 Mi è nato il secondo figlio alla 36^ settimana il 23 settembre scorso (il primo ha quasi tre anni allattato esclusivamente al seno fino a un anno con integrazioni delle pappine dal 6^ mese) ha difficoltà ad assumere il quantitativo di latte necessario (intorno ai 100 g per pasto?) e si addormenta dopo poco tempo al seno. E’ circa 5 kg. alla nascita 2940 g. Devo incrementare con latte tirato (che a volte rifiuta) o continuare con pasti inferiori (al giorno assume intorno ai 600) a quanto indicato dalla pediatra?
Grazie Anche con il primo figlio mi è stata di aiuto e di sostegno!”

Le indicazioni del suo pediatra sono basate sulla doppia pesata. Noi IBCLC ci basiamo piuttosto sugli strumenti oggettivi di valutazione dell’allattamento e cioè : adeguata eliminazione pipì/popò e adeguata crescita settimanale in presenza di un bambino soddisfatto. Non ho elementi sulle eliminazioni ma di fronte a una crescita di 1 kg al mese, tre cose sono palesi: 1.che questo allattamento va alla grande 2.che lei può fidarsi del suo bambino anche se si addormenta – vuol dire che ha preso a sufficienza e 3. che 600 ml sono un calcolo teorico non basato sui fatti.

 Ho una bambina di 7 mesi allattata sempre ed esclusivamente al seno, è nata Kg 2.760 ed è sempre cresciuta nella norma, al compimento dei 6 mesi pesava Kg 7.680 ed ho iniziato ad introdurre i primi alimenti, ieri al controllo del 7° mese la bambina pesava Kg 7.450, come è possibile che sia dimagrita? La mia pediatra dice che il mio latte non va più bene…a suoi dire è “acqua” , non la nutre più, e mi ha prescritto il latte artificiale! Da precisare che la bambina per un mese ha fatto solo un pasto di pappa e la merenda, non sempre consumato del tutto e poi mattina e sera il latte (la sera più volte) non è una bambina mangiona. C’è poi da dire che questo mese le è spuntato il primo dentino ed è molto irrequieta per il fastidio alla bocca. Lei cosa ne pensa? Ritiene che sia necessaria l’integrazione di latte artificiale? Io non vorrei ma allo stesso tempo non voglio che la bambina dimagrisca ancora.
Ritengo che prima di dare il latte artificiale sia doveroso suggerire a una mamma di aumentare le poppate. Il latte materno ‘acquoso’ semplicemente … non esiste. Ritengo inoltre che dovrebbe venire a consulenza, sia per verificare il peso attuale (possibile errore di misurazione) che impratichirsi con le curve di crescita OMS .

  HO UNA BIMBA DI 12 MESI CHE AMO ALLATTARE MA CHE NON So SE ANCHE LEI DESIDERA LO STESSO, IN QUANTO NELL’ULTIMO MESE FORSE PER CAUSA INFLUENZA E RICADUTA NON TIRA COME PRIMA E DEVO ESSERE SINCERA NON MANGIA NEPPURE LA PAPPA. AL CONTROLLO DALLA PEDIATRA IN DUE MESI NON è CRESCIUTA Nè IN ALTEZZA NE IN PESO!!! SONO ALLARMATA E LA PEDIATRA MI HA CONSIGLIATA DI TOGLIERE IL MIO LATTE E DI DARGLI IL DAVID!!!!
PERCHè NON BEVE? LE PREMETTO CHE MI è TORNATO IL CICLO SOLO ADESSO AL 12° MESE DI VITA SUO.

Dunque,togliendo il suo latte (che è poco)la bambina dovrebbe mangiare di più perchè si butterebbe avidamente sul david ??? mi sembra poco plausibile. La combinazione ritorno del ciclo e malattia della bimba sono alla base della sua inappetenza. Cosa fare? allora: si tiri il latte per offrire così del latte materno prima e delle mammelle più gonfie alla piccola poi; se ancora rifiuta utilizzi il latte per un semolino con uvetta o per una crema di verdure più ricca; l’allatti di notte, spesso nel dormiveglia i bambini mangiano ; le dia dei morbidi pezzetti di carne in punta di dita: anche se mangia poco assumerà carne e con essa ferro e zinco che le aumenteranno l’appetito.